Pagine

domenica 21 marzo 2010

Homeschooling: in un altro pianeta...

Col permeso dell'autrice, ecco una testimonianza dalla California.
Che dire? Un sogno.

Carissima *****,
qui in California ci sono quelle che si chiamano Charter Schools...in queste scuole c'e' l'opzione del "programma personalizzato o homeschooling". Questo vuol dire che legalmente mio figlio risulta iscritto ad una scuola per cui riceve voti e tutto quanto come a scuola (i voti sono decisi da me e dalla sua raprresentante)...e vuol dire anche che il programma e' parificato cioe' mio figlio non dovra' sostenere nessun esame se ci dovessimo spostare. In piu', siamo affidati a un educational facilitator che ci aiuta a svolgere il programma...qui puoi sciegliere piu' o meno quello che vuoi e puoi aggiungere lezioni extra se vuoi come per noi educazione artistica e spagnolo...(mio marito e' Boliviano)....siamo molto fortunati in California. Ogni famiglia ha diritto a spendere $700.00 per comprare libri e cose varie...di piu' se vuoi naturalmente ma lo stato riconosce $700.00. Possiamo anche aggregarci ad una delle classi regolari se volessimo. C'e' l'opzione di frequentare la scuola 1-3 giorni se i bambini desiderano...in piu' ci sono sempre gite e cose interessanti...e allora siamo sempre occupati! Penso che in Italia i diritti dei genitori che fanno l'homeschooling siano un po' diversi!


Eccome se sono diversi! La scuola familiare è una scelta possibile legalmente, praticamente mi tocca dare spiegazioni su spiegazioni. L'unico programma possibile è quello ministeriale standard e minimo per tutti, è pura fantascenza avere soldi da spendere e frequentare un giorno la settimana...
Quello di una frequenza ridotta andrebbe a vantaggio della socializzazione (tema su cui si concentra l'ANSIA di molti), soldi da spendere poi... sarebbe molto giusto. Non so quanti migliaia di euro costi uno studente al sistema scolastico, so che per prepararmi io una specie di lezione compero libri su libri e ne vaglio moltissimi. Una mamma ha scritto di possedere non meno di 8000 libri, tutti acquistati per l'homeschooling dei suoi figli. Inoltre per fare homeschooling almeno un membro della famiglia lavora meno o non lavora affatto.

5 commenti:

palmy ha detto...

Ciao, ti ringrazio della visita che hai fatto al mio blog e del commento che mi hai lasciato. Proprio oggi leggevo una circolare del ministero che intimava ai presidi di controllare annualmente la capacità economica e tecnica di istruire i propri figli in famiglia. Che tristezza, con tutti i problemi che ha la scuola...

una mamma ha detto...

Grazie dell'informazione, mi cerco subito questa circolare

Mamma e Mimma ha detto...

Se si concentrassero di più a fare funzionare come si deve la scuola forse non avrebbero così paura di farsi portare via il lavoro,perchè tanto loro pensano in questi termini,senza contare che già l'esami che i bimbi che studiano a casa devono tenere dimostrano le capacità della famiglia al riguardo!scusate ma mi infervoro su questo argomento.

Sarah ha detto...

Qualcuno a un link a questa circulare ?

Sarah

una mamma ha detto...

proverò a chiederlo a Palmy (che lavora nella scuola media), la circolare non l'ho trovata per ora.