Pagine

martedì 20 marzo 2012

Iniziare ad allattare in ospedale

Ho incontrato una serie di ostacoli ad allattare in ospedale (nel caso di Miracolo poi, stavo per non riuscire più ad allattare!), dal basso della mia umile e personale esperienza mi permetto qui di elencarli aggiungendo qualche consiglio.

Se dovessi partorire ancora mi metterei in borsa:
1) Acqua e bicchieri di carta.
Incredibile a dirsi, in camera mi hanno portato mezzo litro d'acqua a pranzo e mezzo a cena, senza bicchiere. Non lo sapevo quando è nata Superbimba mi sono tenuta le sete fino all'ora delle visite, per farsi venire il latte bisogna assolutamente bere.

2) Una lampada a luce soffusa.
Mi ha dato fastidio l'intensità della luce! La lampada del letto singolo era un neon diretto sugli occhi del bambino, il lampadario della stanza illuminava tutto a giorno.

3) Un cucchiaino morbido.
A Superbimba hanno dato del latte artificiale col biberon senza chiedermelo, perchè piangeva troppo al nido. Lo hanno fatto anche con Miracolo perchè dopo il cesareo mi hanno lasciata dormire. In ospedale, immagino per motivi di tempo, danno l'aggiunta col biberon, nessuno mi ha parlato di cucchiaino.
Dopo un parto naturale e senza particolari complicazioni, il neonato al primo attacco è ben vigile e non si stacca facilmente, bisogna infilargli il dito in un angolo della bocca per staccarlo.
Se la notte, anche la prima notte, per lasciarti riposare viene dato al bambino una ciuccia di soli e miseri 10 grammi, beh... al mattino alle 7-7:30 gli fanno il bagnetto, poi te lo portano sfamato e rilassato=non si attacca e se si attacca dopo pochi minuti dorme il resto della mattinata. Così facendo trascorre il primo giorno perchè poi ci sono la visita del pediatra, le visite dei parenti, ecc... è una giornata persa per tentare in santa pace di attaccarlo.
Miracolo o me lo portavano già addormentato, o che scalciava per le colichette provocate dall'aggiunta (e da che altro? pensiamo ad una microscopica bollicina d'aria in uno stomaco non più grande di una nocciola) tanto che col capezzolo in bocca continuava ad urlare senza nemmeno chiudere la bocca... finchè, il secondo giorno, dopo un tenativo di tre ore di urla disperate gli ho dato io l'aggiunta di 20 grammi col biberon. Allora non sapevo che avrei potuto usare il cucchiaino. Ogni ciucciata al biberon può compromettere l'inizio dell'allattamento al seno. Se è proprio necessario nutrirlo perchè non è riuscito ad attaccarsi al seno con successo fin metà del secondo giorno di vita, assolutamente imporsi di farlo personalmente, spremersi le poche gocce di colostro che ci sono e fargliele cadere in bocca col cucchiaino e questo per almeno tre ottimi motivi: ci stimoliamo anche così, il nostro latte non darà coliche al bimbo, il cucciolo non si abituerà al biberon. E dopo due cucchiaini, ma anche uno solo, via di nuovo a provare con la superpoppa!

4) Una persona di aiuto per sistemarti comoda col bimbo.
Non sarà colpa di nessuno, ma i letti erano troppo alti! Da seduta sul bordo non toccavo terra coi piedi, quindi dovevo fare dei movimenti che con i punti (con Superbimba dell'episiostomia, con Miracolo i punti del cesareo) erano dolorosi. Per mettermi ad allattare dovevo scivolare giù dal letto, prendere il bimbo dalla culletta, appoggiarlo sul letto, sedermi io sul letto e dal bordo portami al centro del materasso, riprendere il bimbo, sistemarmi. Uffa, una volta ci ho messo un quarto d'ora, ci fosse stata almeno una maniglia per tirarsi e sollevarsi da soli!

A presto l'avventura di Miracolo e la superpoppa. Miracolo ha conquistato l'allattamento al seno esclusivo addirittura alla sesta settimana!!

4 commenti:

Mamma e Mimma ha detto...

Bravissima, vai alla grande!!!

maria ha detto...

Ciao sono Maria ho scoperto oggi il tuo blog. Ho due bimbi di cui uno di appena 5 mesi e concordo con tutto quello che hai scritto, verrò spesso a trovarti, piacere di conoscerti!!

una mamma ha detto...

grazie ad entrambe! Aggiungo anche un cuscino morbido, in ospedale c'era precisamente un solo cuscino per letto.

Mamma_volipindarici ha detto...

Sei un portento, anzi, che dico, siete un portento!!

Grazie per i consigli, sempre utilissimi!